sabato 12 settembre 2009

Un giorno vorrei essere felice

19 commenti:

  1. Sarah x tirarti su ti consiglio di pensare a quante persone hanno situazioni molto peggiori della tua e vanno avanti, quando capita anche a me è il primo pensiero, forza che passa

    RispondiElimina
  2. coraggio sarah..sò quanto ti girano le balle..la preparazione è fatta, quella non la cancelli. Io ho fatto Vienna con la bronchite se ti può consolare

    RispondiElimina
  3. L'influenza che fa saltare una maratona è solo la ciliegina su una torta che non reggo più.

    RispondiElimina
  4. Il traguardo è là, distante, ma non impossibile, non allontanarlo ulteriormente con questi pensieri :-)
    Ciao, Filippo

    RispondiElimina
  5. Non ti conosco, ma ipotizzo che forse il tuo animo sensibile che traspare da tutti i tuoi post ti fa essere piu' vulnerabile alle cattiverie e le avversita' della vita.
    Impossibile cambiare se non snaturando la propria personalita' ed il proprio ego, ma cerca di cogliere anche nelle piccole gioiose cose che attorno a te avvengono, la linfa per andare avanti e per rasserenarti....
    Lo so' le mie son solo parole, ma son sicuro che tu sai come fare....
    Un abbraccione e tirati su.

    RispondiElimina
  6. Non salta niente Sarah..
    La porti a casa comunque,sei allenata,cerca di pensare positivo,non ti abbattere!

    RispondiElimina
  7. 'ah l'amore.... stai attenta che ci puoi lasciare il cuore... io conosco chi c'è morto di dolore... o magari si è sentito male ed ha chiamato il dottore...' BL ;)

    RispondiElimina
  8. L'influenza è di tipo A

    A-ggirala, falle credere che ha vinto, poi a sorpresa ti presenti sulla linea del tragurado con digitale carica e ti spari 4-5 ore di foto e allegria che ti restano nel cuore.

    RispondiElimina
  9. e che cazzo sarah! ... dati una mossa devi reagire :):)

    RispondiElimina
  10. Sarah, non per farti una ramanzina come si dice dalle mie parti, ma come dice Mitico pensa che ci sono cose molto più negative, io ne so qualcosa. non buttarti giù così per un po di influenza, è una cosa passeggera, e non deve essere quella che ti intristisce. tu devi essere comunque felice perchè la vita è bella e nulla può farti intristire, figuriamoci un malanno.E' vero che vuoi far Berlino ma ci potresti andare comunque e magari la puoi anche correre, come ti viene, che t'importa. pensa che io per la maratona di Roma del 2008 proprio 7 giorni prima della Maratona mi stirai un polpaccio, 1 mese di stop. ma andai comunque a Roma e mi gustai la gara da spettatrice anche perchè lo sport è bello anche guardarlo.

    RispondiElimina
  11. Ascolta la felina che la sa lunga!

    RispondiElimina
  12. Cari amici Blogtrotters, vi ringrazio per le vostre parole: sentirvi vicino mi è di conforto. Se sono arrivata a questo punto, è perchè vivo ormai da troppo tempo una situazione insostenibile, che ha senz'altro contribuito a minare il mio sistema immunitario. Non è tanto saltare una maratona, ormai ci sono abituata, con 5 influenze in un anno ne ho buttati di pettorali che ci faccio mezzo stipendio. Venezia, Terre Verdiane, Brescia, Livigno, St. Moritz, Berlino, e poi chissà. E di fare da spettatore tra le battute di chi è lì per correre sono stufa. Sono felice per chi può felicemente dedicare gran parte della propria completa vita alla corsa. Non lo sono per me. E quando non mi posso dedicare all'unica attività che mi dà sollievo e mi fa provare belle emozioni, lo sono ancora meno. Semplicemente, non ce la faccio più. Arrivederci a quando potrò ancora scrivere di corsa.

    RispondiElimina
  13. è triste sentirti così giù. Spero che sia uno sfogo passeggero, di quelli che escono fuori quando tutto sembra andare per il verso storto, ma poi di colpo si cambia prospettiva, magari perchè le cose cambiano o perchè, in fondo, non basta poco a sorridere. Rimettiti presto in forma, Sarah.

    RispondiElimina
  14. Io da qualche mese ho trovato il modo di bloccare sul nascere il raffredore e influenza : Vitamina C ( acido acorbico ),naturalmente seguendo le quantita' della medicina ortomolecolare di Linus Pauling ( 2 Nobel ).
    Informati e vedrai che sorprese !:
    http://static.scribd.com/docs/iip5r0kfxbbtb.pdf

    RispondiElimina
  15. ce ne vuoi parlare? magari aiuta! sai, qualcosa tipo 'esorcizzare' il demone......

    RispondiElimina
  16. Anche io mi ammalavo spesso poi ho scoperto il Ribes Nigrum. Sarà, ma non mi ammalo più ....

    Prendo quello della ABOCA in capsule. Solitamente lo prendo nei cambi di stagione, ma ultimamente l'ho preso solo all'inizio e alla fine dell'inverno ....

    Se non l'hai mai provato tentar non nuoce e non fa male ...è un antibiotico naturale ....

    Io non mi ammalo praticamente mai e quando non sto tanto bene mi passa dopo pochissimi giorni consentendomi cmq di correre....

    RispondiElimina
  17. Magari la vita fosse semplice come la corsa! Purtroppo è più complicata. Fai come ti senti..ma aspettiamo tutti che i tempi bui passino e di leggere cosa fa Sarah!!

    RispondiElimina
  18. L'angelo spiega le ali per volare e prima o poi raggiunge la felicità.

    RispondiElimina
  19. Quotoprima miticojane e poi GianCarlo...Berlino ti aspetta fanciulla!

    RispondiElimina