venerdì 28 maggio 2010

Sono finita

Non so nemmeno da dove cominciare. Qui si parlava di corsa, quindi partiamo dalla corsa. Sono ormai 6 mesi che non corro. Stando all’ultimo bollettino ci vorrà un anno perché la cosa si possa sistemare, se vorrà farlo. Ma la situazione peggiora anziché migliorare. Ho grosse difficoltà nella mobilità quotidiana. E’ un problema camminare, guidare, restare in piedi, restare seduta a lungo. Ho un’autonomia di un centinaio di metri al giorno. Non c’è una cosa che mi dia un attimo di tregua. Non ne posso più, mi distrugge. Se penso che una volta correvo, sto male. Ho un problema alle gambe, pare parta tutto dagli adduttori, loro sono in contrattura permanente, impazziti per i cavoli loro, o per squilibrio meccanico, o per squilibrio metabolico, o per un’infiammazione dove si inseriscono sul bacino. Fatto sta che mi stortano le gambe, mi fanno affacciare le rotule una di fronte all’altra, mi fanno schioccare dolorosamente le ginocchia, mi fanno male, mi danno forti dolori all’inguine, mi ostacolano il passo fino a bloccare l’avanzamento della gamba. Convivo con i dolori imbottita di antiinfiammatori e antidolorifici. Per il resto, in questi mesi le ho provate tutte (terapie fisiche, strumentali, farmacologiche). Inutilmente, la maledizione fa il suo corso senza volerne sapere nulla. Una volta vivevo d’amore per la corsa, ora la mia esistenza convive con i dolori, quello fisico e quello psichico. Difficile dire quale dei due faccia più male. A volte mi chiedo cosa ho fatto di male per meritarmi questo. A neanche 30 anni. E intanto fuori dalla finestra è finito l’inverno, è passata la primavera, è arrivata l’estate.

E poi c’è il lavoro, quello sì. Forse non ha più senso che esista questo blog. Oppure potrei raccontare di altro. Oppure potrei chiuderlo. Però prima devo fare ancora qualcosa, è la mia etica professionale che me lo impone. Per quanto riesca a capire, è mio obbligo continuare a ricercare. Per quanto possa aver capito cosa mi abbia causato questo danno fisico, è mio obbligo indagare e divulgare, affinchè ciò che è successo a me possa essere d’aiuto ad altri perché non accada anche a loro. E forse così la mia sofferenza sarà un po’ meno inutile.

Saluti Blogtrotters, divertitevi.

Sarah

31 commenti:

  1. Caspita Sarah mi spiace tantissimo, non sapevo e non so che dire! Tieni duro proverò a sentire alcuni miei amici medici per capire se ci sono esperienze dirette.
    Lucky

    RispondiElimina
  2. mamma mia Sarah che post..
    sarà durissima, ma tu non mollare! Tu sei forte e ne esci.
    A sensazione tua, una cosa così può arrivarti dalla corsa?
    I migliori auguri e facci sapere.

    RispondiElimina
  3. Orca loca, non c'è niente da aggiungere...... Un grandissimo e sincero in bocca al lupo

    RispondiElimina
  4. Sarah forza, non disperare, l'unica cosa è cercare di pensare al grande rientro, son sicuro che non tarderà tanto, tanti auguri

    RispondiElimina
  5. mi spiace tantissimo........e dai continua a scrivere noi ti leggeremo in ogni caso e come dici tu divulgare per prevenire!

    RispondiElimina
  6. Mi dispiace Sarah,non è quèllo che avrei voluto leggere.... non chiuderlo il blog,tienici aggiornati,cerca di pensare positivo anche quando sembra impossibile,non esiste che finisca così 'sta storia,si deve risolvere,così com'è arrivata se ne andrà.. In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  7. mi spiace sapere di questa tua sofferenza e vorrei che presto tu possa trovare una soluzione per alleviarla e ritrovare un po' di serenità. Un saluto, e cerca di non cadere preda della disperazione.

    RispondiElimina
  8. C'è un vecchio detto di non so dove che dice: "Se sorridi, puoi cambiare te stesso, gli altri e il futuro" sicuramente ORA quel sorriso è difficile da tirar fuori ma io, il tuo, nelle 2-3 volte che ci siam incrociati lo ricordo benissimo, era un sorriso fantastico, ho letto le prime 10 righe del blog senza battere ciglio e con la bocca aperta... e l'ho finito esclamando "ma porca pu@@@@a come può essere possibile una cosa simile?" sarò l'ennesima persona a spronarti a non mollare, non chiudere il blog, ti può aiutare, vedi se riesci a usarlo come valvola di sfogo, noi continueremo a leggerti nella speranza di farti sentire un po' più coccolata... passerà, vedrai, non temere!! UN ABBRACCIO! (Scusa per la lunghezza)

    RispondiElimina
  9. Piano saretta, il blog è anche un diario quotidiano non solo corsaiolo.
    Tu scrivi che tutti siamo felici di leggere qualisasi cosa su chiunque.
    Come tutti i più bravi italiani medi, abbiamo il bisogno di vojerismo, xchè è sempre troppo difficile guardare la propria saccoccia e pi facile guardare quella degli altri. Per questo il Grande fatello fa sempre cosi tanti ascolti. Perciò dacci i fattacci tuoi per far si di non pensare ai nostri.

    RispondiElimina
  10. [...] sapevo delle nubi, ma addirittura il temporale.... spero possa venirne a capo, in qualunque modo ti aiuti a guardare avanti.... ti resto vicino....

    RispondiElimina
  11. Brutta faccenda, Sarah. Mi dispiace molto e ti faccio l'augurio di risolvere presto il problema e soprattutto bene.
    Non ci accorgiamo quanto valga la nostra efficienza fisica finchè qualcosa non si rompe. Allora basta una minima cosa che non è a posto per bloccare tutto o, farci correre male. Per quella che è la mia esperienza, ti dico che tutto torna a posto, ci vuole solo tempo e pazienza. Vedo che ti sei "rassegnata" a pazientare e questo è un bene adesso che proprio non puoi correre. Curati bene, segui quello che dicono i dottori, ma poi quando passa la fase acuta, lascia stare antinfiammatori e schifezze varie e ritrova il tuo ottimismo. Il sorriso, invece, sarebbe una buona cosa trovarlo anche adesso: non provoca nessun effetto collaterale con gli antinfiammatori o la pazienza... ... :-)
    In bocca al lupo.

    RispondiElimina
  12. Forza Sara, non può piovere per sempre! :)

    RispondiElimina
  13. Ciao Sarah tutti abbiamo letto il tuo post apprensivo e ricolmo di pessime notizie , l'augurio nostro che il tuo contaggioso sorriso risplenda ancora una volta sul tuo volto e ti dia la carica di NON MOLLARE e di PROVARCI sempre senza alcuna remora. Sorridi anche se in questi momenti forse NON ne ai affatto voglia. Guarisci in fretta e torna a correre come sempre. Un ABBRACCIO. Mercuriodacorsa. PS Non chiudere il blog.

    RispondiElimina
  14. Io credo che sei stremata ...non finita ...devi crederlo anche tu

    RispondiElimina
  15. Non mollare !!
    Un giorno rivedrai questo brutto periodo come un lontano ricordo da scordare...
    CREDICI !!!!!!!!!

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  16. Ciao Sarah, rispetto la tua sofferenza e mi dispiace sempre tanto leggere che non stai bene, ma vedila così: leggo che qualcosa in più hai capito di questo brutto problema e ci stai lavorando su tanto, non stai mollando e questo è ottimo..devi continuare così e tenere duro...studiare, sentire esperti e lottare contro questo problema...il tuo blog può esserti molto d'aiuto e noi siamo fieri di leggere ciò che scrivi..io personalmente trovo sempre interessante il contenuto dei tuoi post e ti incoraggio a tenere in grande considerazione le tue ultime frasi di questo post! Un caro saluto

    Ribichesu Davide

    RispondiElimina
  17. Non mollare, devi venirne a capo di questa situazione allucinante...
    tornerai presto a star bene e conseguentemente a correre...

    Volevo consigliarti di leggere la storia di Matteo Dall'Osso...
    un ragazzo che ragionando con la propria testa, ha scoperto delle verita'....( l' ho conosciuto di persona !):
    http://www.matteodallosso.org/

    RispondiElimina
  18. per me è una questione psicosomatica.
    luciano er califfo.

    RispondiElimina
  19. Mola Mia!
    Mai!
    Abbi fede che prima o poi tornerai!

    RispondiElimina
  20. Beh Sarah... hai visto mai che il Geko a furia di correre a testa in giù è in realtà la Tartaruga cantanta da Bruno Lauzi quando eravam piccini?!? :)

    la tartaruga
    un tempo fu
    un animale che correva a testa in giù
    come un siluro filava via
    che mi sembrava un treno sulla ferrovia
    ma avvenne un incidente
    un muro la fermò
    si ruppe qualche dente
    e allora rallentò
    la tartaruga
    dall'ora in poi
    lascia che a correre pensiamo solo noi
    perché quel giorno
    poco più in là
    andando piano lei trovò la felicità
    un bosco di carote
    un mare di gelato
    che lei correndo troppo non aveva mai notato
    e un biondo tartarugo corazzato che ha sposato un mese fa!

    RispondiElimina
  21. cara Sarah, sono pietro del gruppo dell'isola d'elba, resisti con la tua grande forza, non mollare la corsa fortunatamente ci insegna a resistere a tutto.
    un grande saluto da una assolata sicilia. a presto

    RispondiElimina
  22. @ Lucky: grazie Lucky, di medici ne ho sentiti molti, validi, di diverse specialità, ora mi sembra di poter arrivare ad una sintesi del problema, delle cause. E poi ho da aspettare l'anno prossimo per riprovare a correre

    @ La Polisportiva: ciao Polisportiva, la mia sensazione è che ci sono molti fattori, il primo una meccanica di corsa scoretta, poi altri come stress che ci mettono la loro parte. Mi spiegherò meglio in un post successivo

    @ Matte79: grazie, chi ama la corsa capisce

    @ Miticojane: facciamo che comincio a pensare a cosa posso fare da qui al possibile rientro, dato che un anno è lungo...

    RispondiElimina
  23. @ Patty: tranquilla Patty, scriverò quello che ho studiato e rielaborato per capire il mio problema. Vedrete poi voi se vi potrà essere di utilità

    @ insane: a volte è molto difficile pescare un pensiero positivo, lo si cerca ma pare non abbocchi mai!

    @ Franchino: thanks...

    @ Paolo "Cibulo": è proprio il mio obiettivo di adesso

    RispondiElimina
  24. @ Alvin: grazie Alvin, mi fa molto piacere il tuo messaggio. Anche tu ne hai passate, mi ricordo del tuo esempio e proverò a pensare che la cosa può passare

    @ Frate_tack: penso che condividere esperienze su blog come i nostri lasci qualcosa di più di un Grande Fratello, anche se di GF non me intendo perchè non ho mai avuto la pazienza di seguirlo

    @ yogi: grazie yogi

    @ Mic: efficacia Mic, non efficienza. Ci si rassegna per forza quando non si può fare niente! Ottimismo, sorriso, faccio fatica, come credo farebbe chiunque di noi in una situazione simile

    RispondiElimina
  25. @ Tosto: sperem! (dialetto bergamasco, traduzione: "speriamo!")

    @ mercuriodacorsa: ci si prova Mercurio... thanks

    @ Gian Carlo: sullo stremata sono d'accordo, non la reggo più! Devo trovare alternative che mi siamo fattibili su cui investire energie in modo positivo

    @ Marco Bucci: speriamo. Tra quanto, qualche anno?

    @ Ribichesu Davide: grazie Davide, sì la vedo così, andrò avanti a studiare e a scrivere, ciao

    @ Massimo: grazie Massimo, molto toccante e interessante. Penso che sia utile sentire i pareri degli esperti e poi fare una sintesi con la propria testa, me ne sono fatta un'idea

    RispondiElimina
  26. @ luciano er califfo: ciao califfo, il trigger è biomeccanico, poi come tutte le malattie possono essere alleviate o peggiorate dalla condizione mentale, nel mio caso fino ad ora la psiche non mi ha certo aiutato ma ha peggiorato le cose. L'importante è prenderne atto, è il primo passo per trovare rimedio

    @ Bradipo: sperem! Ghe la fo piö!

    @ Stefano: non sei il primo che mi riporta questi versi, che sono andata a cercare ancora su google perchè non conosco! Mah, ti confesso che non mi ci ritrovo molto con questa tartaruga... Sono un tipo che dentro di sè brulica sempre, non riesco a starmene tranquilla, devo avere sempre qualcosa che mi bolle in pentola, qualcosa da fare, qualcosa da studiare. Ora mi manca molto il movimento, il sentire la stanchezza fisica. Facciamo che prendo questa brutta storia per fare un passo avanti dalla mia ignoranza, per imparare conoscenze nuove, per imparare attività nuove. E poi se ci scappa anche un bel tartarugo mica dico di no! :-)

    @ Pietro: ciao Pietro, sì si fa più fatica a essere costretti a non correre che a correre... "A presto" non credo, data la mia situazione, comunque un caro arrivederci e grazie per il messaggio!

    RispondiElimina
  27. Sarah, nn mollare. Non hai casi simili alle spalle cui fare riferimento, pertanto non devi certo pensare ad un esito per forza negativo. Sei giovane, e questo depone a tuo favore. A maggior ragione devi andare avanti con ottimismo, giorno per giorno: adesso sei in fase acuta, poi, a poco a poco, recupererai, con le terapie giuste: la medicina va avanti, progredisce, scopre cose nuove. E continua a scrivere: quando sarai guarita e rileggerai il tutto ti meraviglierai di quanto sei forte e combattiva. Magari ci sorriderai. Non mollare, sul serio, e sii ottimista. Evita antiinfiammatori e robe varie: or come ora trova alternative, come stai facendo con il nuoto, e poniti obiettivi a medio-lungo termine. Hai tanto da dare alla vita, sei intelligentissima e hai tanta gente, come puoi leggere, che ti vuole bene. Dai, coraggio, ti sono vicina.

    RispondiElimina
  28. Di solito la cura migliore per questi infortuni è il tempo.
    E’ giusto sentire un medico bravo per controllare che non ci sia qualche lesione particolare. Ma, se questo viene escluso, non c’ è che aspettare con pazienza. Non fare esperimenti su te stessa. Un anno non è la fine del mondo, poi si riprende. E forse non tutto il male vien per nuocere.
    Scrivi nel blog di questa tua nuova condizione e di quanto vieni a conoscere.
    Il mio incoraggiamento, Franco

    RispondiElimina
  29. Le tue parole mancano.
    Coraggio.

    RispondiElimina
  30. Anna, Franco, Brady, grazie anche a voi per le vostre parole di conforto

    RispondiElimina