venerdì 17 aprile 2009

Verso Torino: il punto della situazione

          Domenica sarò a Torino per correre la Maratona. Consapevole che non l'ho preparata, tra acciacchi e infortuni vari. Consapevole che un solo lungo non basta. Il muscolo della contrattura ha ripreso a farsi sentire, spero che due giorni senza guidare e abbondante stretching lo rimettano tranquillo. Vado ugualmente, obiettivo arrivare, se aspetto di correre una Maratona quando l'ho "preparata", non la corro più una Maratona. Vado e corro, e basta. Modalità tartaruga, che mi viene bene. Unico presentimento: nel bene o nel male, sarà una sorpresa. Mi basta l'idea di esserci ancora per essere contenta!
Dopo, comunque sarà andata, mi ritirerò sui monti, obiettivo la mia meta, quella che porto in fronte da quella mattina di dicembre al sorgere del Sole. E sarò in una dimensione di corsa dove il tempo non esisterà più.

10 commenti:

  1. Arriverai in grande serenità e ti sarà d'aiuto per quando(novella Heidi) ti ritirerai sui monti.
    In bocca al lupo.

    RispondiElimina
  2. allora sarai anche consapevole che dovrai camminarne un pò.... metodo galloway? cmq in bocca al lupo! ;)

    RispondiElimina
  3. Ti dico in tutta sincerità che, nelle tue condizioni per quel che riguarda infortuni e preparazione, io non la farei. In bocca al lupo.

    RispondiElimina
  4. @ Runner Blade: grazie Gian Carlo, vedo che hai intuito che 42 piatti sono la prima tappa di un lento avvicinamento ai 50 in salita ;-)

    @ the yogi: camminare spero di no, in caso di problemi non troppo seri corsetta lenta lenta, galloway non se ne parla (frammenti temporali troppo piccoli, mi stresserebbero). Cmq grazie!

    @ Mic: ti capisco, ma considera che te sei un runner figo, mentre io sono uno scarpone tapascione, obiettivo sopravvivenza (non performance) :-)

    RispondiElimina
  5. Attenta alla maratona con pochi lunghi e indolenzimenti ....io ne so qualcosa (Roma Docet)

    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  6. Hei, Torino è la mia città'. Non correrò la 42, ma spero di venire a fare il tifo con i bambini. Magari ti vedo: che n. di pettorale hai?

    RispondiElimina
  7. Sarah: in maratona sono tapascione anch'io!!! :-) Fino ad ora ho deluso sulla 42km e al momento ci siamo presi, come si suol dire,..una pausa di riflessione.
    Fai attenzione a prenderla con calma per non fare danni, anche se lo sai già. CIAO!!

    RispondiElimina
  8. Mi raccomando la temerarietà del geco, la prudenza della tartaruga, la rapidità del grillo, la resistenza dell'ape.
    In bocca al Tori...no

    RispondiElimina
  9. Com'è andata? Peccato per il diluvio!

    RispondiElimina